La scrittura nell'epoca del digitale – Studio di Grafologia Francesca Villa
16162
single,single-post,postid-16162,single-format-standard,ajax_leftright,page_not_loaded,,qode-theme-ver-8.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.9.2,vc_responsive

La scrittura nell’epoca del digitale

Scrittura all'epoca del digitale

28 Dic La scrittura nell’epoca del digitale

A breve on line uscirà l’articolo della dott.ssa Francesca Villa su scrittura all’epoca del digitale. Di seguito un estratto dell’articolo:

“Bisogna ricordare che l’atto scrittorio a mano libera è prodotto di un complesso insieme di movimenti che prevedono la collaborazione di funzioni cerebrali, tattili, di motricità fine, la coordinazione occhio-mano, la gestione dello spazio.Scrivere nasce dall’impulso del cervello che, guidando la mano, ci consente di proiettare la nostra scrittura unica e irripetibile che rappresenta la persona e sola la persona scrivente. L’avvento della digitalizzazione della grafia ha portato gli studiosi a compiere esperimenti al riguardo. [..]Scrivere influenza il pensiero, allenando le attività di concentrazione e memoria, il linguaggio e la coordinazione, incentivando la motricità fine. L’inevitabile conseguenza dell’assenza di esercizio di scrittura, prediligendo la digitalizzazione, è l’interruzione del processo pensiero-azione, un peggioramento del discorso e un impoverimento di concentrazione e memoria[..].Dal punto di vista grafologico la scrittura è espressione del sè, della propria personalità è rapporto diretto e sclusivo tra atto motorio e prodotto grafico, passaggio che manca completamente nella videoscrittura.[…].In conclusione non dobbiamo abbandonare la scrittura tradizionale in questa epoca di nativi digitali, non solo perchè è l’espressione dell’individuo, la grafia mantiene allenato il complesso eserczio cervello-motricità fine, da non sotovalutare in particular modo in età evolutiva, dove lo sviluppo psicomotorio è al centro dello crescita.”